Navigation

Federali: CN - Vallese: PPD perde un seggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2011 - 20:43
(Keystone-ATS)

Il PPD vallesano subisce un'ulteriore erosione: il partito maggioritario è stato costretto oggi ad abbandonare al partito socialista uno dei quattro seggi occupati al Consiglio nazionale. La nuova configurazione è stata provocata in particolare dai voti di Monthey, ultimo comune ad aver comunicato i propri risultati.

La ripartizione dei sette seggi attribuiti al Vallese al Consiglio nazionale è la seguente: 3 seggi per il PPD, due per il PS, uno ciascuno per UDC e PLR. Globalmente, il PPD ha perso il 3% dei voti, scendendo al 41%. L'UDC guadagna nella medesima proporzione e sale al 20%. Il PS resta al 20% e il PLR conserva il 18%.

Nei ranghi del partito maggioritario, sono rieletti Christophe Darbellay e Viola Amherd, mentre l'uscente Paul-André Roux è stato costretto a cedere il posto al collega di partito Yannick Buttet. L'uscente Roberto Schmidt non è stato rieletto.

Nei ranghi socialisti Stéphane Rossini, riconfermato, sarà accompagnato a Berna dal 24enne Mathias Reynard. Pure rieletti Oskar Freysinger (UDC) e Jean-René Germanier (PLR), che occupano rispettivamente il secondo e il terzo posto nella classifica dei consiglieri nazionali meglio eletti, dopo Christophe Darbellay. La partecipazione è stata del 61,9%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?