Navigation

Fisco: dati a Germania; Merz contrario

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2010 - 15:26
(Keystone-ATS)

BERNA - "In Svizzera l'acquisto di dati bancari rubati è vietato: viola il principio della buona fede, l'ordine pubblico nonché la sfera privata". Lo ha affermato oggi il ministro delle finanze Hans-Rudolf Merz durante il colloquio telefonico con il suo omologo tedesco Wolfgang Schäuble.
Stando a una nota del Dipartimento federale delle finanze, Merz ha anche sottolineato che la Svizzera non presta assistenza amministrativa in caso di furto di dati di clienti. Il consigliere federale ha inoltre ribadito la sua disponibilità ad approfondire la collaborazione con la Germania in ambito fiscale.
Tali parole non hanno però sortito effetti: poco dopo un portavoce di Schäuble ha infatti annunciato la volontà del governo tedesco di entrare in possesso dei dati, un passo che potrebbe frenare la rinegoziazione dell'accordo di doppia imposizione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?