Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - "Si intravede una luce in fondo al tunnel" della crisi che, comunque, "non potrà dirsi finita fino a quando non si avrà una ripresa dell'occupazione". Più ottimista sugli Stati Uniti che sull'Europa, il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), Dominique Strauss-Kahn, valuta la ripresa economica in atto a livello globale "fragile e incerta". E, pur constatando come lo yuan resta sottovalutato, scarta l'ipotesi di una "guerra dei cambi".
"La crescita non è sufficiente e il rischio di una ripresa senza occupazione resta. La ripresa è un una cosa e ha bisogno di essere assistita. Una volta che la ripresa è assicurata, bisognerà capire quanti posti di lavoro creerà a livello mondiale. A nostro parere - afferma Strauss-Kahn - non si potrà dire che la crisi è finita fino a quando l'occupazione non calerà in modo forte. Per l'Europa, non è chiaro se il tasso di crescita che noi prevediamo sia in grado" di fare questo, ovvero di ridurre la disoccupazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS