Navigation

GB: Amy Winehouse, dall'autopsia, non è morta di droga

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2011 - 18:14
(Keystone-ATS)

Amy Winehouse non è morta per droga: nel suo corpo non c'è traccia di sostanze illegali, solo di alcol. È questo il risultato dei test tossicologici condotti sul cadavere della cantante di Back to Black morta un mese fa nella sua casa di Camden a Londra a soli a 27 anni.

Oggi ricorre un mese dalla scomparsa di Amy: e mentre un suo ritratto, opera dell'artista svedese Johan Andersson, è stato inaugurato nella stazione della metropolitana di Camden Town, un portavoce della famiglia ha reso noto che nel corpo dell'artista sono state trovate tracce di bevande alcoliche, anche se "non è stato possibile determinare se l'alcol ha avuto un ruolo nella morte di Amy".

I familiari della Winehouse hanno ringraziato la polizia e il medico legale per come li hanno tenuti informati sul loro lavoro: "Ora aspettano l'esito dell'inchiesta in ottobre", ha detto il portavoce.

I risultati dei test sono arrivati mentre la famiglia della star fa sempre più fatica a controllarne l'immagine. Mitch dovrà restituire tutti i soldi donati alla Amy Winehouse Foundation dopo aver scoperto che qualcuno aveva già registrato il nome e ora intende venderlo a un'asta online. C'è poi un sito americano, Cafepress.com che sta vendendo una serie di ricordini non autorizzati e di dubbio gusto: tra questi abitini per bebè, orsacchiotti, custodie per iPod e perfino un cappottino per cani con la scritta 'Riposa in Pace Amy Winehouse'.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?