Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Decine di detenuti hanno rifiutato ieri e oggi di rientrare nelle loro celle nel carcere preventivo di Champ-Dollon (GE), in segno di protesta contro il sovraffollamento della prigione. Da ieri, tale sovraffollamento ha segnato un nuovo primato: destinato ad accogliere 270 detenuti, il carcere ne ospita 611.
Una prima protesta si è svolta lunedì, quando 64 detenuti hanno rifiutato di rientrare dopo l'ora d'aria, indica oggi in un comunicato il Dicastero ginevrino della sicurezza e della polizia. Dopo ore di trattative hanno accettato di sospendere l'azione, senza che siano stati registrati feriti o danni materiali.
Questa mattina i detenuti di altre due unità si sono rifiutati a loro volta di tornare in cella al termine della passeggiata collettiva. La protesta si è conclusa dopo un incontro con una speciale commissione del Gran consiglio.
Per rimediare al cronico sovraffollamento del carcere, il Consiglio di Stato ha sottoposto proprio oggi al Gran consiglio un credito di quasi 30 milioni di franchi, che dovrebbe permettere la creazione in tempi brevi di un centinaio di posti supplementari, ricavati in moduli prefabbricati.

SDA-ATS