Navigation

Gerusalemme, incidenti su spianata moschee

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2011 - 13:29
(Keystone-ATS)

Scontri fra dimostranti palestinesi e reparti della polizia israeliana sono avvenuti nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme, al termine delle preghiere islamiche del venerdì. Lo ha riferito la radio militare.

Secondo la polizia, dopo le preghiere gruppi di giovani palestinesi hanno lanciato sassi in direzione degli agenti, che erano dislocati al di fuori della Spianata.

A quel punto gli agenti hanno avuto ordine di entrare nella Spianata e di disperdere i dimostranti.

Per disperdere i dimostranti palestinesi nella Spianata delle Moschee la polizia israeliana ha fatto ricorso anche a gas lacrimogeni, ha aggiunto la radio militare. Dopo di che la polizia è riportare l'ordine e ha quindi lasciato la Spianata.

Finora non si ha notizia di vittime, nè di fermi. Una fonte della polizia ha tuttavia precisato che parte dei dimostranti sono stati identificati e che saranno arrestati nei prossimi giorni.

Gli incidenti odierni sono da collegare, a quanto pare, a due recenti giornate di mobilitazione palestinese: la 'Nakba' (15 maggio, in ricordo della costituzione dello Stato di Israele, un "disastro" agli occhi dei palestinesi) e la 'Naksa' (la "sconfitta" patita nel giugno 1967 dagli eserciti di Giordania, Siria ed Egitto da parte di Israele), che viene celebrata il 6 giugno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.