Navigation

Giappone: governo allenta restrizioni su prodotti agricoli

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2011 - 17:19
(Keystone-ATS)

Il Giappone ha in programma di allentare le restrizioni alla vendita di prodotti alimentari che sono coltivati in alcune aree intorno alla centrale nucleare di Fukushima, avendo ormai requisiti di sicurezza per l'uomo. Lo ha detto il capo di gabinetto, Yukio Edano, secondo cui i livelli di radiazioni sono costantemente bassi.

Il via libera, in particolare, interessa il latte prodotto a Kitakata (prefettura di Fukushima) e in altre aree, così come spinaci e altre verdure della vicina prefettura di Gunma.

Edano ha spiegato che l'esecutivo limiterà la semina del riso nelle zone dove i livelli di radiazione sono superiori ai limiti fissati dai regolamenti a tutela della salute umana. In questo caso, ai coltivatori il governo pagherà un indennizzo.

Il ministro dell'Agricoltura, Michihiko Kano, ha detto che il riso non deve essere coltivato se c'è una concentrazione nel terreno di 5.000 becquerel/kg di cesio radioattivo. Kano ha poi aggiunto che sarà discusso con i funzionari delle prefetture se imporre simili restrizioni anche sugli ortaggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?