Navigation

Giappone: Tokyo, contromisure se Cina esplora campi gas

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2010 - 19:41
(Keystone-ATS)

TOKYO - Il neo ministro degli esteri giapponese, Seiji Maehara, ha avvertito che se le indicazioni sul presunto avvio delle esplorazioni dei campi di gas da parte della Cina nelle acque contese del Mar Cinese orientale saranno confermate, Tokyo sarà costretta a prendere contromisure.
La Cina ha trasportato "apparecchiature non meglio identificate" in un impianto off-shore in fase di sviluppo per i giacimenti di gas su cui i due paesi rivendicano i diritti.
Pechino ha riferito di aver provveduto a spostare materiale per "lavori di riparazione", ha spiegato Maehara in una conferenza stampa al ministero in tarda serata.
"Abbiamo accettato la loro spiegazione, ma seguiremo attentamente la situazione per vedere che tipo di lavori saranno svolti presso il sito", ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?