Navigation

Giochi Commonwealth a rischio, villaggio "inabitabile"

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2010 - 10:06
(Keystone-ATS)

WELLINGTON - Sono a rischio i Giochi del Commonwealth: la Nuova Zelanda ha deciso di ritardare la partenza dei suoi atleti per New Delhi, dove tra dieci giorni partirà la rassegna, a causa di una serie di problemi legati al villaggio sportivo. Lo ha indicato oggi il presidente del comitato olimpico neozelandese Mike Stanley.
"Non è una questione di confort o lusso: si tratta di una questione di igiene e sicurezza", ha spiegato Stanley in un comunicato. La partenza degli atleti neozelandesi, prevista in un primo momento per questo fine settimana, è stata spostata a martedì.
Il responsabile della Federazione Giochi del Commonwealth, L'irlandese Michael Fennel, arriverà oggi a New Delhi per l'apertura del villaggio degli atleti, definito "inabitabile" dalle delegazioni di quattro paesi partecipanti all'evento, in programma nella capitale indiana dal 3 al 10 ottobre. Fennel lunedì aveva dato un ultimatum agli organizzatori affinchè ripulissero dalla sporcizia gli appartamenti che ospiteranno circa 7 mila atleti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?