Navigation

GR: Gran consiglio discute di politica energetica

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2011 - 20:55
(Keystone-ATS)

Il parlamento grigionese ha avviato oggi la seduta straordinaria dedicata al futuro energetico del cantone. I partiti sono tutti favorevoli a un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili, ma hanno opinioni differenti riguardo alle misure necessarie e ai tempi previsti per metterle in pratica.

PS, PPD e PBD intendono riorientare completamente la politica energetica, l'UDC è contraria a voltare pagina, mentre i liberali radicali sono per una via mediana. Concretamente vi è un consenso riguardo al potenziamento e all'ottimizzazione dell'energia idroelettrica, nonché su un'incentivazione di consumi più efficienti. Maggiori differenze emergono per contro riguardo a fonti come il vento, il sole o la geotermia.

Il governo cantonale propone di aumentare di un decimo la produzione di energia idroelettrica entro il 2035, portandola a circa 900 gigawattora, e di far crescere le fonti rinnovabili sino a 550 gigawattora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?