Navigation

Grecia:nuovi incidenti per la controversa discarica di Keratea

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2011 - 08:26
(Keystone-ATS)

ATENE - Nuovi incidenti sono avvenuti questa notte fra polizia e i residenti di Keratea, località a sudest di Atene, che si oppongono alla costruzione di una nuova grande discarica. I Verdi sono intervenuti chiedendo al governo di ritirare la polizia in attesa che si pronunci la magistratura.
La polizia, riferiscono i media, ha risposto con lacrimogeni e cannoni ad acqua ad attacchi di gruppi di persone con bottiglie incendiarie e pietre. Tali scontri seguono quelli della scorsa settimana e di dicembre quando erano proseguiti per otto giorni consecutivi in una vera battaglia di strada fra cittadini e forze dell'ordine. Il caso ha provocato la solidarietà del movimento anarchico.
Il Partito degli Ecologisti Verdi greco, in un tentativo di mediazione, ha chiesto al ministro dell'interno Christos Papoutsis di "rispettare la decisione giudiziaria di sospendere i lavori, e di ritirare le forze di polizia sino ad una sentenza definitiva", prevista dal 2 febbraio prossimo.
Keratea insieme a un'altra cittadina a Nord di Atene, Grammatiko, è stata scelta negli anni scorsi come luogo per la costruzione di una delle due nuove grandi discariche che serviranno la regione dell'Attica, con capoluogo Atene, più volte entrata in crisi in passato per la gestione dei rifiuti. La popolazione sostiene che non sono state seguite le normali procedure e che la discarica sorge vicino ad un sito archeologico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.