Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SAN GALLO - Helvetia rafforza la sua posizione sul mercato svizzero delle assicurazioni. Il gruppo sangallese ha infatti rilevato dalla filiale elvetica di Allianz le società basilese Alba e losannese Phenix, per un ammontare di 302 milioni di franchi. L'operazione comporterà una non ancora precisata soppressione di posti di lavoro.
Con questa acquisizione Helvetia farà crescere il suo volume d'affari del 6%, si legge oggi in un comunicato. Nel contempo le sue attività nel settore non vita aumenteranno di un quarto.
La transazione dovrebbe essere ultimata entro la fine dell'anno, previo accordo delle autorità competenti. L'acquirente la finanzierà tramite i suoi fondi propri.
Alba è una società attiva nel comparto non vita con sede a Basilea e che l'anno scorso ha incassato premi per 132 milioni di franchi, generando un utile di 26 milioni. Phenix ha gli uffici principali a Losanna e assicura sia le persone sia le cose: nel 2009 ha realizzato un utile di 1,8 milioni, con premi di 87 milioni.
Secondo il numero uno di Helvetia, Philipp Gmür, le due società rappresentano un ottimo complemento per il gruppo, che potrà così crescere in particolare in Romandia. A medio termine la fusione dovrà inoltre generare sinergie: è probabile che questo comporterà una soppressione di posti di lavoro, ma non è ancora possibile dire quanti impieghi verranno cancellati, ha precisato all'ATS il portavoce Martin Nellen. Alba conta attualmente 220 dipendenti, Phenix 130: l'obiettivo è ridurre l'organico puntando su prepensionamenti e la fluttuazione naturale del personale.
Non è ancora chiaro se i marchi Alba e Phenix saranno mantenuti. Sono ancora da prendere anche le decisioni riguardanti organizzazione, succursali e sistemi informatici. Helvetia conta di concludere l'integrazione in tre anni al massimo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS