Navigation

Il 40% dei ciclisti porta il casco, tra i bambini il 67%

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 luglio 2011 - 09:31
(Keystone-ATS)

In Svizzera il 40% dei ciclisti indossa il casco spontaneamente; tra i bambini il tasso è del 67%. Lo rileva l'Ufficio prevenzione infortuni (upi), secondo cui il risultato è sostanzialmente identico a quello dello scorso anno.

Negli ultimi anni, anche grazie alle campagne di sensibilizzazione di upi e Suva, l'uso del casco ha registrato un aumento costante, passando dal 14% nel 1998 a oltre il 27% nel 2003 per raggiungere il 39% nel 2006. Da allora non è più progredito in modo significativo. Nella categoria delle biciclette elettriche, mezzo sempre più diffuso e apprezzato, è comunque salito al 67% (2010: 63%) e si attesta allo stesso livello delle biciclette da corsa.

Tra i bambini fino a 14 anni si è confermata la tendenza riscontrata lo scorso anno: il 67% indossa il casco per spostarsi in bicicletta (2010: 69%). In bicicletta i bambini sono più esposti al rischio di incidente, dato che le loro capacità cognitive e motorie non sono ancora del tutto sviluppate e che sono inesperti nel traffico. Per questo è fondamentale che indossino il casco.

L'upi auspica un ulteriore incremento della percentuale d'uso tra i bambini e si batte per l'introduzione del casco obbligatorio fino a 14 anni, una proposta che incontra un favore sempre più ampio nella popolazione e nel mondo politico.

Nell'ambito del dibattito su Via Sicura, dopo il Consiglio federale anche il Consiglio degli Stati ha accolto con 22 voti favorevoli contro 11 questa misura preventiva che, secondo un sondaggio rappresentativo dell'Istituto LINK (marzo 2011), è condivisa dall'87% degli intervistati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.