Almeno 19 persone, tra cui diverse donne e bambini, sono morte oggi in un devastante incendio scoppiato in un campo profughi del piccolo stato di Tripura, nel nord est dell'India, al confine con il Bangladesh. Lo riporta l'agenzia stampa Ians.

Le vittime appartengono a una comunità tribale fuggita dal vicino Mizoram nel 1997 in seguito a violenti scontri etnici. Il rogo ha distrutto circa 2.500 capanne di uno dei sei campi che ospitano oltre 34 mila indigeni di etnia Reang.

Un funzionario del distretto di Kanchanpur ha detto che le fiamme non sono ancora state domate e che si teme ci possano essere altri corpi tra i resti delle baracche distrutte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.