Navigation

Internet:hackers attaccano anche il sito dell'Eliseo

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2012 - 20:49
(Keystone-ATS)

La rappresaglia di Anonymous, il collettivo di hackers che sta "vendicando" l'offensiva contro Megaupload, ha colpito anche il sito dell'Eliseo.

Dopo aver affermato di aver messo fuori uso il sito dell'FBI, di Universal Music e del ministero della Giustizia americano, Anonymous ha attaccato i siti di Hadopi, l'arsenale di norme contro la pirateria informatica, e della presidenza della Repubblica. Alla fine dell"'URL" dell'Eliseo, compare la dicitura "We are the legion", uno dei segnali di riconoscimento del gruppo.

In nottata, il presidente Nicolas Sarkozy si era rallegrato pubblicamente per l'operazione delle autorità americane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?