Navigation

Iraq: Tareq Aziz; appello Russia a Baghdad, non giustiziatelo

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2010 - 16:36
(Keystone-ATS)

MOSCA - La Russia ha chiesto oggi al consiglio presidenziale iracheno di non eseguire la condanna a morte per l'ex braccio destro di Saddam Hussein, Tareq Aziz. Lo si afferma in un commento del ministero degli Esteri russo.
In una nota dell'ufficio stampa del ministero degli Esteri russo sulla condanna di Tareq Aziz, questa viene definita "un affare interno dell'Iraq". Si sottolinea tuttavia la necessità di "tenere presente l'età avanzata e lo stato di salute di Tareq Aziz", e si precisa inoltre che "la decisione della corte penale non risponde alla tendenza che si afferma nella comunità internazionale di rinunciare alla pena capitale come misura di punizione".
La nota si conclude con "l'auspicio che il consiglio presidenziale iracheno non permetta l'esecuzione della condanna" e aggiunge che una decisione in questo senso "favorirebbe la riconciliazione nazionale e la stabilizzazione della situazione in generale di cui il paese ha estremo bisogno".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?