Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Gerusalemme resterà "la capitale indivisibile di Israele", lo ha detto oggi a Washington un responsabile israeliano membro nella delegazione del primo ministro Benyamin Netanyahu nella capitale Usa.
Un'affermazione che contraddice quanto riferito oggi dal ministro della difesa Ehud Barak secondo cui nel contesto di un accordo definitivo sarà necessario spartire la città di Gerusalemme secondo linee di carattere demografico, suggerendo che i quartieri arabi possano tornare ai palestinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS