Navigation

Israele: serpente nella culla, bebè lo finisce a morsi

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2012 - 11:37
(Keystone-ATS)

Emulo casuale del piccolo Ercole della mitologia classica, un bebè israeliano è finito oggi sulle pagine di tutti i giornali per aver annichilito a morsi un serpente scivolato all'improvviso all'interno della sua culla, in un villaggio a maggioranza araba della Galilea.

L'episodio ha dell'incredibile, ma secondo quanto è riuscita ad accertare la stampa locale - inclusa quella seria - sembra proprio che sia autentico. Il protagonista si chiama Imad e ha 13 mesi. Insidiato da un serpentello di 30-40 centimetri, non ha fatto una piega: se lo è portato alla bocca come un ninnolo qualunque, per poi cominciare a rosicchiarne la testa senza lasciargli scampo. La mamma, inorridita, si è ritrovata la scena sotto gli occhi ieri mattina e ha chiesto aiuto. Ma quando il bambino è stato portato in ospedale, si è scoperto che stava benissimo: il serpente non era velenoso e, comunque, è risultato aver avuto la peggio.

Il papà, in preda a un eccesso di euforia (anche per lo scampato pericolo), va ora dicendo in giro nel villaggio che il suo piccolo "è un eroe". Imad - ignaro di tutto - è tornato intanto a spadroneggiare sovrano nella sua culla.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?