Navigation

Italia, legittimo impedimento: al via camera consiglio Consulta

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2011 - 10:04
(Keystone-ATS)

ROMA - I quindici giudici della Consulta sono entrati in camera di consiglio per decidere sulla costituzionalità del "legittimo impedimento", la legge che almeno fino all'ottobre prossimo mette al riparo il premier italiano Silvio Berlusconi dalla ripresa dei tre processi a suo carico (Mills, Mediaset e Mediatrade).
Secondo i giudici di Milano lo 'scudo' violerebbe gli articoli 138 della Carta (necessita di una legge costituzionale) e 3 (principio di parità, e irragionevole sproporzione tra diritto di difesa ed esigenze della giurisdizione). La decisione della Corte dovrebbe arrivare in giornata.
Ieri la Consulta ha dichiarato ammissibile, tra gli altri, il referendum promosso dall'Italia dei Valori per cancellare 'in toto' il 'legittimo impedimento' (legge 51 dell'aprile 2010). Ma il destino della consultazione popolare sul quesito promosso dal partito di Di Pietro dipenderà dalla decisione che oggi la Corte prenderà sulla legittimità della legge.
Se infatti la Consulta dovesse bocciarla del tutto, allora niente referendum, che invece ci sarebbe senz'altro in caso di sentenza interpretativa di rigetto oppure di un verdetto di inamissibilità o infondatezza dei ricorsi.
Il voto sarebbe in forse se la Consulta bocciasse lo 'scudo' solo in parte: in questo caso spetterebbe all'Ufficio centrale della Cassazione valutare se sussista ancora l'interesse alla consultazione referendaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.