Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - È stata trovata una terza scatola nera dopo l'incidente aereo nel quale sabato scorso è morto il presidente polacco Lech Kaczynski. Lo ha reso noto Tatiana Anodina, presidente del comitato intestatale per l'aviazione.
Questa ulteriore scatola nera sarà analizzata in Polonia, con la partecipazione di esperti russi. Lo riferisce l'agenzia Interfax. Il lavoro per identificare la traiettoria dell'ultima fase del volo dell'aerea sarà concluso oggi.
Intanto il vicepremier russo Serghiei Ivanov ha reso noto che le indagini hanno escluso che l'incidente possa essere stato causato da un incendio, da un'esplosione o da una avaria al motore, che avrebbe funzionato sino al momento dell'impatto.
Da parte loro alcuni controllori di volo dell'aeroporto di Smolensk citati oggi dalla stampa russa hanno indicato che l'equipaggio dell'aereo non ha obbedito alla torre di controllo dello scalo, che gli sconsigliava di atterrare, e non ha trasmesso dati cruciali sulla propria altitudine.

SDA-ATS