Navigation

Leggendaria Galleria Beyeler di Basilea chiude i battenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2011 - 11:05
(Keystone-ATS)

La leggendaria galleria d'arte del collezionista Ernst Beyeler, scomparso l'anno scorso all'età di 88 anni, a Basilea chiude i battenti. Lui e la moglie Hildy, deceduta nel 2008, lo hanno disposto nel loro testamento, ha comunicato ieri sera la stessa galleria. Le opere saranno messe all'asta da Christie's a Londra il 21 e il 22 giugno; il ricavato andrà alla Fondazione Beyeler.

In questo modo verrà creato "un capitale di base che contribuirà fortemente a coprire il deficit di gestione e a garantire a lungo termine l'esistenza della fondazione", si legge in una nota.

Nel 1982 Ernst e Hildy Beyeler avevano trasferito la loro eccezionale collezione - circa 200 opere che spaziano dal tardo impressionismo, al cubismo, all'espressionismo e all'arte moderna - alla fondazione, che Ernst Beyeler ha presieduto fino al 2009.

Nel 1997 la coppia aveva reso accessibile al pubblico le opere raccolte in decenni aprendo un museo al loro domicilio di Riehen (BS), costruito dall'architetto italiano Renzo Piano. Già due anni più tardi si rese necessario un ampliamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?