Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il leader libico Muammar Gheddafi ha detto che le sue forze armate stanno per riprendere il controllo sulle città di Misurata e Bengasi, in mano agli insorti. Lo riferisce la tv satellitare al-Arabiya. Il colonnello ha aggiunto che la battaglia di Misurata si concluderà entro oggi e che Bengasi cadrà senza combattere.

Da parte sua l'esercito libico, riferisce l'agenzia Jana, ha annunciato la sospensione delle operazioni militari da domenica prossima per consentire ai "terroristi" di deporre le armi e di beneficiare di una grazia.

Un portavoce degli insorti ha affermato invece che la forze armate di Gheddafi sono ancora lontane da Bengasi, smentendo così la tv di stato libica che aveva detto in precedenza che le forze lealiste si trovavano alle porte del capoluogo della Cirenaica, caposaldo dei ribelli. Secondo Essam Gheriani le forze fedeli al colonnello hanno raggiunto la città petrolifera di Zueitina ma "sono state circondate dalle forze rivoluzionarie".

Fonti degli insorti hanno anche indicato che ci sono almeno 30 morti in un ospedale nella città di Ajdabiya, nella Cirenaica, dove sono in corso combattimenti tra le truppe di Gheddafi e gli anti-governativi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS