Il capo del Consiglio Nazionale provvisorio libico, costituitosi a Bengasi, l'ex ministro della giustizia Mustafa Abdel Jalil, ha detto alla tv satellitare Al Jazira che se Muammar Gheddafi "lascia il Paese entro 72 ore, e ferma i bombardamenti, noi non lo perseguiremo" per i suoi crimini.

Jalil ha poi aggiunto che il tempo concesso a Gheddafi non sarà prorogato oltre le 72 ore.

Un esponente governativo libico ha smentito stamani che il colonnello abbia avanzato ieri un'offerta di negoziati agli insorti, i quali invece hanno confermato di aver "ricevuto un contatto da un rappresentante di Gheddafi per una trattativa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.