Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TRIPOLI - Sono tornati a puntare il dito contro la Svizzera, oggi pomeriggio in piazza Verde a Tripoli, un centinaio di manifestanti membri di associazioni di 'supporter' del Leader libico Muhammar Gheddafi.
Inneggiando alla Jihad contro la Svizzera, hanno letto dal palco allestito in piazza un comunicato in quattro punti nel quale si chiedono scuse ufficiali dalla Svizzera e sospensione immediata della lista di nomi - stilata da Berna - di personalità libiche alle quali è interdetto l'ingresso nei Paesi Schengen.
Nel documento si afferma inoltre di sostenere l'embargo economico contro la Svizzera e il rifiuto a trattare con Paesi solidali con la Confederazione elvetica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS