Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Micheline Calmy-Rey auspica un'azione penale in Svizzera per la vicenda degli ostaggi svizzeri trattenuti in Libia. I colpevoli devono essere portati davanti a un tribunale, afferma la ministra degli esteri elvetica in interviste pubblicate oggi dai domenicali "Sonntag" e "NZZ am sonntag".

"Potrei immaginarmi l'avvio in Svizzera di un procedimento penale per chiarire le circostanze del sequestro di Max Göldi e Rachid Hamdani nell'autunno 2009 e condurre i colpevoli davanti a un giudice", afferma la consigliera federale. "La situazione per noi è radicalmente cambiata: i due ostaggi sono di nuovo a casa, l'ambasciata svizzera a Tripoli è chiusa e non può più essere attaccata come è già successo. Oggi siamo di nuovo liberi nelle nostre azioni", prosegue la ministra.

Il 18 settembre 2009 i due svizzeri, già bloccati a Tripoli dal 19 luglio 2008 come ritorsione per il breve arresto a Ginevra di Hannibal Gheddafi, figlio del leader libico Muammar, erano stati convocati e posti in detenzione per 53 giorni "in un luogo sicuro" tenuto segreto. Le autorità libiche si erano giustificate adducendo un possibile tentativo di liberazione da parte svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS