Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SIRTE (LIBIA) - All'indomani dello sblocco della crisi dei visti tra la Libia e i Paesi Schengen, Tripoli fa sapere che la disputa diplomatica con Berna non è terminata e ribadisce di volere un "arbitrato internazionale" sulle circostanze dell'arresto di Hannibal Gheddafi, figlio del leader libico, a Ginevra nel 2008.
La crisi con la Svizzera "è un altro argomento", ha detto il ministro degli Esteri libico, Moussa Koussa, a margine del vertice della Lega araba a Sirte, a chi gli chiedeva se la revoca reciproca delle restrizioni dei visti aprisse la strada a una soluzione alla querelle con Berna. La Libia si aspetta ancora "un arbitrato internazionale", ha ricordato il ministro.
All'origine della controversia tra i due Paesi, l'arresto di Gheddafi Jr e la pubblicazione su un giornale ginevrino delle sue foto segnaletiche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS