Navigation

Libia: segretario Conferenza islamica favorevole a "no fly zone"

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 marzo 2011 - 10:01
(Keystone-ATS)

Il segretario dell'Organizzazione della Conferenza islamica (Oci), Ekmeleddin Ihsanoglu si è detto favorevole alla creazione di una "no fly zone" sulla Libia.

"Ci uniamo a coloro che chiedono la creazione di una zona di esclusione aerea e chiediamo al Consiglio di sicurezza (dell'Onu) di prendersi le sue responsabilità in questo senso", ha detto Ihsanoglu.

Il segretario dell'Oci ha tuttavia ribadito la sua posizione ad un intervento militare diretto in Libia, una posizione già espressa il primo marzo a Ginevra durante una riunione del Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu. Lunedì sera, in una dichiarazione a conclusione di una riunione ad Abu Dhabi, le monarchie arabe del Golfo si sono dichiarate favorevoli alla creazione di una zona di esclusione aerea "per proteggere i civili" in Libia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.