Navigation

Libia: Tripoli; 718 uccisi e 4067 feriti in raid Nato

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2011 - 20:47
(Keystone-ATS)

Il portavoce del governo libico Mussa Ibrahim ha affermato oggi che nei raid della Nato dal 19 marzo al 26 maggio sono morti 718 civili ed altri 4067 sono rimasti feriti.

"Dal 19 marzo al 26 maggio, abbiamo avuto 718 martiri tra i civili e 4'067 feriti", ha detto il portavoce in una conferenza stampa in cui ha citato il ministero della sanità. Secondo il portavoce, il bilancio non comprende i militari morti, un dato che il ministero della difesa non vuole divulgare. Tra i feriti, ha precisato, 433 sono in gravi condizioni.

La Nato ha smentito di aver provocato molte vittime tra la popolazione civile e ai giornalisti presenti nella capitale libica non sono state mostrate prove di un gran numero di vittime civili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.