Navigation

Lonza: risente forza franco e rincaro materie prime

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2011 - 11:15
(Keystone-ATS)

Lonza ha registrato nel terzo trimestre dell'anno "una solida performance operativa". Gli affari tuttavia sono frenati dall'apprezzamento del franco e dal rincaro delle materie prime, ha fatto sapere il gruppo basilese in una nota odierna senza fornire cifre sul terzo trimestre.

Stefan Borgas, Ceo del gruppo chimico e biotecnologico, ha rilevato in una conferenza telefonica che i cambi sfavorevoli incideranno negativamente sul risultato operativo dell'esercizio corrente nella misura di 80-90 milioni di franchi. In estate l'impatto del franco era stato valutato a 70 milioni.

I vertici si sono mostrati tuttavia soddisfatti. Nel terzo trimestre il tasso di utilizzo delle capacità si è attestato su buoni livelli. Per compensare gli effetti negativi della rivalutazione del franco, il gruppo ha deciso misure per accrescere la produttività.

La divisione Life Science Ingredients ha registrato una buona domanda. La pressione crescente sui margini e l'inasprimento della concorrenza hanno però condotto il gruppo a ridurre il numero dei progetti, ha rilevato il Ceo. La società intende concentrarsi maggiormente sui grossi progetti, ha aggiunto.

Nella divisione Chemical Manufacturing in valute locali il volume d'affari è progredito. Le attività di Bioscience si sono riprese a un ritmo inferiore rispetto alle attese, visti i risparmi dei governi negli investimenti di ricerca, si legge nella nota.

"Nelle ultime settimane abbiamo portato a termine l'acquisizione di Arch. Inoltre abbiamo inserito le nostre azioni nella borsa di Singapore", rammenta Borgas, citato nel comunicato.

Il rilevamento di Arch si è concluso in anticipo rispetto alle previsioni. Le attività acquistate aiuteranno Lonza ad accrescere la presenza in Cina, India, Brasile e Sudafrica.

L'americana Arch Chemicals è specializzata nei biocidi, sostanze in grado di distruggere o neutralizzare organismi nocivi. Lo scorso anno ha registrato un fatturato di 1,4 miliardi di dollari. L'azienda impiega 3000 persone in 23 stabilimenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?