Navigation

Messico: narcos; 41 cadaveri nel week end, alcuni squartati

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2011 - 22:06
(Keystone-ATS)

Ancora un fine settimana di orrore in Messico, dove 41 persone sono state uccise in diverse città e villaggi del paese. Lo rendono noto i media locali, precisando che in una cittadina dello stato di Nuevo Leon la polizia ha scoperto cinque cadaveri mutilati.

Sotto i riflettori ci sono soprattutto questi ultimi omicidi. Accanto ai corpi mutilati erano stati lasciati dei "narcomessaggi" il cui contenuto non è stato reso noto dagli investigatori. Quella di far trovare dei testi accanto ai cadaveri è ormai una pratica diffusa tra i sicari dei diversi cartelli dei narcos del paese, ricordano i media locali, rilevando che probabilmente l'uccisione dei cinque uomini è stato un regolamento di conti tra bande rivali di trafficanti di droga.

Delle vittime sono state trovate solo le teste, le gambe e altri parti del corpo, messe una sopra l'altro accanto ad un'autostrada, hanno aggiunto i media.

La lotta tra i cartelli è molto probabilmente anche la causa di un altro eccidio, questa volta a Chihuahua, al confine con gli Usa, dove in diversi episodi nel corso del fine settimana sono stati uccisi 17 persone.

Sabato è d'altra parte stato trovato il corpo del responsabile della sicurezza di una prigione nella città di Monterrey. Il cadavere di Francisco Ramirez è stato rinvenuto all'interno di una vettura posteggiata non lontano dal carcere, concludono i media, che riferiscono inoltre di 13 persone uccise - anche in questo caso in episodi diversi - nello stato di Tamaulipas, due a Nuevo Laredo e tre ad Acapulco.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?