Navigation

Ministro esteri cinese ricevuto a Berna: libero scambio e diritti umani

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2011 - 15:01
(Keystone-ATS)

Negoziati per un accordo di libero scambio, diritti umani, attualità internazionale e cooperazione in ambito scientifico sono stati i temi affrontati nel colloquio, oggi a Berna, tra la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey e il ministro degli esteri cinese, Yang Jiechi.

I colloqui sono avvenuti nella residenza del Lohn a Kehrsatz, rende noto un comunicato del Dipartimento federali degli esteri (DFAE).

Calmy-Rey era accompagnata dai segretari di Stato per gli affari esteri, per le questioni finanziarie internazionali e per l'educazione e la ricerca, Peter Maurer, Michael Ambühl e Mauro Dell'Ambrogio, come pure da un alto rappresentante della Segretaria di Stato dell'economia (SECO).

La visita rientra nel quadro del dialogo politico iniziato nel giugno 2010 dalla consigliera federale a Pechino allo scopo di approfondire le relazioni tra i due paesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?