Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GERUSALEMME - Il presidente palestinese, Abu Mazen (Mahmud Abbas), ha detto oggi che non c'é ancora alcun accordo con Israele su uno scambio limitato di territori nel contesto di un accordo di pace, pur non respingendo questa soluzione in via di principio.
Abu Mazen, parlando a Ramallah, ha fatto questa precisazione in reazione a notizie apparse sulla stampa estera circa un suo asserito assenso a rinunciare a favore di Israele al 4% della Cisgiordania in cambio di territori israeliani di uguale superficie.
"Abbiamo accettato il principio di uno scambio di territori su una base di reciprocità - ha detto - ma non abbiamo ancora un accordo sulle terre che saranno concretamente scambiate".
Su forti pressioni degli Stati Uniti israeliani e palestinesi hanno accettato di condurre negoziati indiretti di pace (proximity talks) per quattro mesi, tramite la mediazione dell' inviato Usa in Medio Oriente, George Mitchell.
Secondo Abu Mazen, nella prima fase è stata sollevata la questione dei confini e delle misure di sicurezza tra i palestinesi e Israele. A questo proposito, ha aggiunto, i palestinesi stanno ora preparando le risposte a una serie di domande che Israele ha sottoposto loro.
"Per ora - ha detto - non si può parlare di progressi o di assenza di progressi nei colloqui. Io spero che ce ne saranno nei prossimi quattro mesi".

SDA-ATS