Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GERUSALEMME - I colloqui del vice presidente Usa Joe Biden si spostano oggi da Gerusalemme a Ramallah, dove è in programma un incontro col presidente palestinese Abu Mazen (Mahmud Abbas) dedicato al processo di pace.
Ma è scontato che nei colloqui la parte palestinese non mancherà di far sentire la sua forte e adirata protesta dopo l'annuncio di un nuovo controverso piano di edilizia ebraica a Gerusalemme est, che ha provocato condanne internazionali e aspre reazioni degli Stati Uniti e dello stesso Biden, la cui visita in Israele doveva apparentemente anche cercare di portare a un disgelo tra la Casa Bianca e il premier Benyamin Netanyahu.
Secondo i media locali, oltre a un severo comunicato, Biden ha inteso esternare il suo malumore, valutando perfino l'opportunità di annullare la sua partecipazione a una cena da Netanyahu, ma decidendo alla fine di arrivare nella residenza del premier con un'ora e mezza di ritardo.
Anche in Israele l'annuncio ha suscitato un coro di aspre reazioni critiche nei confronti del premier e del ministro dell'Interno Eli Ishai sui principali media.
Il primo si è difeso affermando di essere stato sorpreso dall'annuncio del ministero, mentre Ishai ha ammesso che il momento scelto è stato errato e negando che fosse sua intenzione "sabotare" la visita di Biden.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS