Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono rientrare nel Mar Rosso, dopo aver attraversato il Canale di Suez, due navi da guerra iraniane che alla fine di febbraio avevano compiuto una missione nel Mediterraneo, definita "una provocazione" da Israele. Lo ha detto oggi il comandante della Marina iraniana, ammiraglio Habibollah Sayari, citato dall'agenzia Irna.

Le due unità, la fregata Alvand e la nave d'appoggio Kharg, avevano attraccato il 24 febbraio al porto siriano di Lattakia, sul Mediterraneo, nell'ambito di un programma di cooperazione nell'addestramento tra i due Paesi, dopo essere state le prime navi da guerra iraniane ad attraversare il Canale di Suez dopo la rivoluzione islamica del 1979.

"Smentiamo le notizie date dai mezzi d'informazione occidentali e sionisti (israeliani, ndr), secondo le quali questa missione avrebbe avuto scopi minacciosi", ha detto Sayari. "Al contrario - ha aggiunto l'ammiraglio - gli obiettivi erano quelli di rafforzare le relazioni d'amicizia con i Paesi della regione e migliorare la sicurezza delle rotte di navigazione nel Golfo di Aden". In passato la Marina militare iraniana ha inviato sue navi nel Golfo di Aden per combattere la pirateria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS