Navigation

MO: Peres e Papa, si lavori a accordo rispettoso parti

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2010 - 16:06
(Keystone-ATS)

CASTEL GANDOLFO - L'auspicio che la ripresa dei contatti diretti tra israeliani e palestinesi, in programma oggi a Washington "aiuti a raggiungere un accordo rispettoso delle legittime aspirazioni dei due popoli" è stato espresso durante l'incontro tra papa Benedetto XVI e il presidente israeliano Shimon Peres. Lo si afferma in un comunicato diffuso dalla sala stampa vaticana al termine dell'incontro.
"Circa la ripresa dei contatti diretti tra israeliani e palestinesi, in programma oggi a Washington - si legge nella nota vaticana - si è auspicato che essa aiuti a raggiungere un accordo rispettoso delle legittime aspirazioni dei due Popoli e capace di portare una pace stabile in Terra Santa e in tutta la Regione".
Durante i colloqui - aggiunge la nota - "è stata quindi ribadita la condanna di ogni forma di violenza e la necessità di garantire a tutte le popolazioni dell'area migliori condizioni di vita".
"Non è mancato un riferimento al dialogo interreligioso e uno sguardo d'insieme alla situazione internazionale". Infine, sono stati affrontati anche i nodi della situazione delle comunità cattoliche residenti nella regione e dei negoziati sull'accordo economico tra Israele e Santa Sede.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?