Navigation

Morto Nathan Clark, inventò la scarpa del deserto

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2011 - 16:15
(Keystone-ATS)

Addio all'inventore di un mito: Nathan Clark, erede dei fondatori dell'azienda di calzature Clarks ma soprattutto l'ideatore della "scarpa del deserto", è morto negli Stati Uniti a 94 anni.

Quando presentò il Desert Boot al mondo nel 1949, Clark non stava cercando di creare una leggenda o di iniziare una rivoluzione: aveva semplicemente progettato un comodo stivaletto basato su quelli che i suoi colleghi nell'Esercito indossavano in Birmania, una calzatura in camoscio molto comoda con la suola di gomma fabbricata per i militari dell'Ottava Armata nei bazar della vecchia Cairo.

Nathan portò i disegni delle sue Desert Boot nell'azienda fondata a Street (Somerset) negli anni venti dell'Ottocento dai suoi antenati quaccheri James e Cyrus Clark, ma si sentì rispondere dal consiglio di amministrazione che quel modello "non sarebbe mai stato venduto".

Le ultime parole famose: da allora 12 milioni di Desert Boots sono stati accaparrati da clienti di ogni età, ma soprattutto giovani, per non parlare delle imitazioni. Esportate in Europa Occidentale, le "scarpe del deserto" divennero parte dell'uniforme dei giovani maschi negli anni Cinquanta e Sessanta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.