Navigation

Nucleare: Giappone; al via operazioni riavvio reattore Monju

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2011 - 17:46
(Keystone-ATS)

Japan Atomic Energy Agency (Jaea) ha riavviato oggi le operazioni per riportare in attività la centrale nucleare sperimentale di Monju, 400 chilometri a ovest di Tokyo, ferma dalla scorsa estate in seguito alla caduta nel reattore di un grosso macchinario.

Dopo il tentativo fallito in ottobre, i tecnici cercheranno di recuperare l'attrezzatura tramite uno speciale congegno da calare sul fondo del contenitore, stimando, se non ci saranno imprevisti, di concludere i lavori entro la metà di giugno e di riavviare l'impianto in autunno.

La Jaea, il gestore dell'impianto che è un ente pubblico impegnato nello sviluppo di tecnologie innovative come lo sfruttamento dell'energia atomica con tecnologie avanzate, conta di raggiungere il pieno regime nella primavera del 2013, e di realizzare l'impianto a fini commerciali entro il 2025, ma non è escluso che i progetti possano subire ritardi alla luce della crisi nucleare in corso a Fukushima.

Nell'agosto del 2010, con il sito riavviato da soli tre mesi dopo lo stop di quasi 15 anni dovuto a un incendio, una gru alta 12 metri e pesante 3,3 tonnellate, durante le operazioni di sostituzione del combustibile, era caduta all'interno del reattore lesionandosi e complicando i tentativi di recupero.

Monju, capace di produrre 280 megawatt di energia, è una centrale sperimentale di nuova generazione, che usa una miscela di ossido di plutonio e uranio per generare dalla combustione più plutonio di quanto ne venga bruciato, arrivando a una sorta di autoalimentazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.