Navigation

OGM: a Commissione UE un milione di firme a favore moratoria

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 dicembre 2010 - 15:25
(Keystone-ATS)

BRUXELLES - Pioggia di firme sulla Commissione europea per ottenere una moratoria su tutte le autorizzazioni di Ogm nella Ue. Greenpeace e Avaaz hanno consegnato all'esecutivo una petizione firmata da un milione di cittadini europei che chiede una moratoria nella Ue su tutte le autorizzazioni di organismi geneticamente modificati (Ogm).
La moratoria deve valere fino a quando non vi sarà un nuovo organismo di valutazione scientifica ed etica indipendente, per misurare gli effetti delle piante transgeniche sulla salute, sull'ambiente e sull'agricoltura.
Il nuovo trattato di Lisbona autorizza la presentazione di proposte di legge di iniziativa popolare alla Commissione europea, a fronte della raccolta di almeno un milione di firme tra i cittadini degli Stati membri.
Gli europei, sostiene Federica Ferrario, responsabile della campagna Ogm di Greenpeace, "vogliono alimenti sicuri e un'agricoltura sostenibile, senza Ogm. Dopo la consegna di un milione di firme ci aspettiamo che le istituzioni europee si occupino dei veri problemi, invece di prendere le parti delle lobby delle biotecnologie".
Questo, afferma Ricken Patel, direttore esecutivo di Avaaz, "è un passo molto importante per la democrazia europea. I cittadini hanno dato alla Commissione più di un milione di ragioni per ascoltare l'opinione pubblica e agire con precauzione, invece di agevolare gli interessi privati di una manciata di aziende biotech. Ci aspettiamo che la Commissione si prenda ora carico delle richieste e delle preoccupazioni di cittadini, governi europei e scienziati indipendenti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.