Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ISLAMABAD - Un imam di una moschea della provincia del Punjab e suo figlio sono stati condannati all'ergastolo in base alla severa e controversa legge sulla blasfemia. I due erano stati sorpresi lo scorso anno a strappare da un muro un manifesto religioso e a calpestarlo in segno di disprezzo. Lo riferisce oggi il quotidiano Express Tribune precisando che la sentenza è stata comminata da un tribunale locale della città di Dera Gaza Khan e che i due sono stati condannati anche a pagare una pesante ammenda.
Muhammad Shafi, 45 anni, e Muhammad Aslam, 20 anni, appartengono alla setta Barelvi rivale di quella dei Deobandi a cui appartiene il loro accusatore che li aveva denunciati per rimuovere un poster affisso in un negozio del distretto di Muzaffargarh, in cui si annunciava un evento in onore della nascita di Maometto. Secondo i giudici, i due "hanno strappato il volantino e lo hanno messo sotto i piedi". Il gesto ha indotto un religioso, autore dell'annuncio, a denunciare i due per blasfemia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS