Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Un influente politico pachistano che viveva in esilio a Londra dalla fine degli anni '90 è stato ucciso ieri nella capitale. Lo riferiscono i media britannici on line.
La Bbc, che cita i leader del suo partito, riferisce che Imran Farooq, è stato assassinato all'esterno della sua abitazione nel nord di Londra, a Green Lane, Edgware.
La polizia metropolitana ha reso noto che un uomo di 50 anni è morto nel pomeriggio dopo essere stato ripetutamente accoltellato e che presentava anche ferite alla testa: è deceduto mentre il personale medico cercava di soccorrerlo sul luogo dell'aggressione.
Farooq era - secondo leader del partito contattati in Pakistan dalla Bbc - uno dei fondatori del partito Mqm (Muttahida Qaumi Movement), anti-talebano e maggioritario nella metropoli pachistana di Karachi, e che rappresenta soprattutto i musulmani di lingua urdu giunti dall'India. Sempre secondo i compagni di partito, non era mai tornato in Patria da quando era giunto in Inghilterra.
Farooq era ricercato dalle forze di sicurezza pachistane e contro di lui, secondo l'agenzia britannica Press Association, pendevano accuse di attività criminali e anche di terrorismo. Dopo aver vissuto nascosto a Karachi - come disse egli stesso - per sette anni, apparve nel 1999 in Gran Bretagna, dove chiese asilo politico, affermando che le accuse rivoltegli erano motivate politicamente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS