Navigation

Papa: la convivenza non è vera famiglia, fate più figli

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2011 - 18:47
(Keystone-ATS)

Convivenza, coppie di fatto, unioni non convenzionali non hanno nulla a che fare con la famiglia. Non sono famiglia. Sono piuttosto espressione di "una mentalità secolarizzata" che spesso "riduce l'amore a emozione sentimentale", a "pulsione", senza impegno per "legami duraturi". Nè la convivenza prepara al matrimonio. È una stroncatura senza appello di ogni forma alternativa di vita a due, quella che il Papa ha pronunciato stamani in Croazia, di fronte a una folla di circa 400 mila persone, durante la messa all'ippodromo di Zagabria.

Con un appello rivolto agli sposi: fate figli, sono il futuro. Il monito arriva in terra croata, ma si estende ovviamente oltre questi confini. E si salda al messaggio, tutto in chiave italiana, espresso ieri, al momento di lasciare Roma, nel telegramma che, come è prassi, il pontefice invia al presidente della Repubblica prima di un viaggio internazionale. Lì, scrivendo a Napolitano, aveva chiesto all'Italia di continuare "a riconoscere l'istituto familiare come cellula fondamentale della società, sostenendolo con adeguati interventi".

Oggi, nell'omelia, è tornato a chiedere "provvedimenti legislativi che sostengano le famiglie nel compito di generale ed educare i figli". Ma ha detto molto altro. "Non cedete - sono state le sue parole - a quella mentalità secolarizzata che propone la convivenza come preparatoria o addirittura sostitutiva del matrimonio". E non riducete l'amore a "emozione sentimentale, a soddisfazione di pulsioni istintive, senza impegnarsi a costruire legami duraturi e senza apertura alla vita. Siamo chiamati a contrastare questa mentalità ".

Il Papa, e la Chiesa, vedono la famiglia minacciata. In Italia, sono di pochi giorni fa i dati diffusi dall'Istat che descrivono un calo record dei matrimoni: 30mila in meno nel biennio 2009-2010, -6%. Per contro aumentano le unioni di fatto, che nel 2007 hanno superato quota mezzo milione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?