Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Giovani, anziani e famiglie con bandiere di tutti i colori e striscioni e cartelli per dire, come recita lo slogan della manifestazione, 'Si' alle regole, no ai trucchi per vincere'. E' il popolo del Regole Day, l'iniziativa organizzata dalle forze italiane del centrosinistra, a Piazza del Popolo a Roma, contro il Governo e le sue ultime iniziative legislative.
a piazza del Popolo la folla anti-trucchiUna piazza piena, sebbene la forbice tra il lato degli organizzatori e quello della questura (200 mila e 25 mila) sia ampia. Una piazza che ha ascoltato dalle 14 fino al tramonto gli interventi dei leader politici e le note dei numerosi artisti che si sono alternati ai capi dei partiti dal grande palco ai piedi del Pincio.
Una protesta dai mille colori, dal rosso di partiti come Rifondazione, Sinistra e Libertà, ma anche della Cgil, alla grande macchia bianca dei palloncini dell'Italia dei Valori e dei numerosissimi stendardi del Pd, fino al giallo della campagna elettorale di Emma Bonino, all'arancione dei giovani Democratici ed al verde degli ambientalisti. Su tutti però, trasversale, spiccava a piazza del Popolo la folla anti-trucchiil colore del Popolo viola che, con magliette, sciarpe, felpe e striscioni, ha punteggiato ovunque la piazza.
E dal Popolo viola sono arrivati gli striscioni più ironici, come quello che invitava a votare Ali Baba 'perche' almeno i ladroni sono solo quarantà. Ma c'era anche il quiz sulle vicende giudiziarie di Berlusconi, i cartelli con i dipinti di Caravaggio con l'effigie del premier e slogan come 'Non si gioca con i bari', e 'Ebbri di potere'.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS