Navigation

Revocato divieto di accendere fuochi in undici cantoni

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2011 - 17:24
(Keystone-ATS)

Le precipitazioni registrate durante il fine settimana hanno attenuato il rischio di incendi dovuto alla siccità. Undici cantoni hanno quindi deciso di revocare il divieto di accendere fuochi all'aperto, altri lo hanno allentato.

L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha annunciato che i cantoni di San Gallo, Glarona e Vaud hanno revocato oggi il divieto di accendere fuochi. Ieri Appenzello interno, Appenzello esterno, Berna, Grigioni, Obvaldo, Ticino, Uri e Zugo avevano preso misure analoghe.

In altre zone le scarse precipitazioni non hanno contribuito a un netto miglioramento della situazione: nei cantoni di Argovia, Soletta, Basilea Città e Basilea Campagna resta pertanto in vigore un divieto parziale di accendere fuochi. I rimanenti cantoni mantengono fino a nuovo avviso i divieti o le limitazioni. "Con il ritorno del tempo secco, la situazione potrebbe ridiventare critica", ammonisce l'UFAM.

In seguito alle precipitazioni del fine settimana, i livelli di fiumi e laghi hanno fatto registrare un lieve aumento. Dall'inizio della settimana i valori sono tuttavia nuovamente in calo, scrive l'UFAM. I livelli dell'Aare a valle del lago di Bienne e del Reno a valle del lago di Costanza sono infatti nettamente inferiori alle medie stagionali. Anche molti laghi fanno registrare nuovi livelli minimi per la stagione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.