Navigation

Ritirata iniziativa su jet militari

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2010 - 16:45
(Keystone-ATS)

BERNA - Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) ritira definitivamente la sua iniziativa che chiedeva una moratoria di dieci anni - fino al 31 dicembre 2019 - sull'acquisto di nuovi aerei da combattimento.
Un comunicato diffuso oggi, al termine di un'assemblea generale straordinaria svoltasi a Berna, indica che l'obiettivo è già stato raggiunto.
Ad agosto il Consiglio federale ha infatti deciso di rinviare l'acquisto di nuovi jet da combattimento per ragioni finanziarie. Nei mesi scorsi il ministro della difesa Ueli Maurer aveva detto che i nuovi aerei potrebbero essere integrati nel programma d'armamento al più presto nel 2018.
L'iniziativa anti-aerei aveva raccolto 107'787 firme valide, che erano state consegnate alla cancelleria federale nel 2009. "La pressione esercitata dall'iniziativa del GSsE, si legge nel comunicato, ha indotto il governo a rinviare la sostituzione parziale dei Tiger a data da definirsi". Una eventuale votazione sul tema, in queste circostanze, non ha più senso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo