Navigation

Sarkozy: Svizzera va coinvolta in lavori preparatori vertice G20

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2010 - 09:50
(Keystone-ATS)

SEUL - La Svizzera va coinvolta nelle decisioni del G20, facendola partecipare ai lavori preparatori per il prossimo vertice: lo ha detto ieri il presidente francese Nicolas Sarkozy in una conferenza stampa a Seul, dove si è tenuto l'incontro fra i rappresentanti dei dei 20 stati più importanti del pianeta.
"Nel quadro dei seminari preparatori vanno invitati i paesi che hanno qualcosa da dire nelle questioni finanziarie", ha spiegato Sarkozy. "E la Svizzera ha il suo peso in questi settori", ha aggiunto. Il presidente ha precisato di aver già espresso questo concetto in un un colloquio con la presidente della Confederazione Doris Leuthard. Nel contempo però Sarkozy esclude una partecipazione diretta della Svizzera al prossimo vertice del G20, nel novembre 2011 a Cannes.
A Berna l'apertura della Francia viene accolta con soddisfazione. La Confederazione ospita una delle più importanti piazze finanziarie del mondo ed è giusto che possa partecipare agli sforzi dei paesi più grandi volti a regolare i mercati, ha spiegato alla radio DRS Mario Tuor, portavoce della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI). "Se non quale membro a pieno titolo, perlomeno a livello di discussioni preliminari e di gruppi di lavoro, dove le decisioni vengono preparate", ha affermato Tuor.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?