Navigation

SECO: il franco è ancora troppo forte

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2011 - 15:09
(Keystone-ATS)

Anche dopo l'intervento della Banca nazionale svizzera (BNS), che ha fissato un limite minimo di 1.20 franchi per l'euro, la direttrice della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch ritiene il corso della moneta unica ancora troppo basso. A suo modo di vedere sarebbe meglio un tasso di cambio di 1.30 o 1.40 franchi.

La mossa della BNS ha portato stabilità, afferma la Ineichen-Fleisch in un'intervista pubblicata oggi dai quotidiani "Tages-Anzeiger" e "Bund". Tuttavia "molte imprese, soprattutto quelle che esportano principalmente nell'area euro, continuano a trovarsi in una situazione difficile", ha spiegato. Che diverse aziende facciano lavorare di più i propri dipendenti o li remunerino in euro è quindi giustificato "fintanto che si tratta solo di misure temporanee e i salari in linea di principio vengano versati in franchi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?