Navigation

Siria: attivisti, prosegue sciopero generale regione Daraa

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 13:18
(Keystone-ATS)

Prosegue anche oggi nella regione siriana meridionale di Daraa lo sciopero generale indetto dagli attivisti anti-regime, che affermano di voler continuare la protesta a oltranza "fino al ritiro dell'esercito e delle forze di sicurezza e al rilascio di tutti i prigionieri".

Daraa, capoluogo della regione dell'Hawran confinante con la Giordania, è stato il primo epicentro delle proteste anti-regime scoppiate a metà di marzo scorso. Da allora, un massiccio dispiegamento dell'esercito e delle forze di sicurezza tenta di mantenere il controllo del territorio. Secondo i Comitati di coordinamento locale degli attivisti, da marzo ad oggi sono 633 le persone originarie di Daraa e dintorni uccise dalle forze fedeli al presidente Bashar al Assad.

In un comunicato, i Comitati affermano: "Lo sciopero generale è ancora in corso da una settimana a Daraa città, Dael, Enkhel, Nawa, Khirbet Ghazale. I servizi di sicurezza hanno preso i nomi dei proprietari di tutti i negozi chiusi". Gli attivisti minacciano di proseguire "fino alla disobbedienza civile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?