Navigation

Siria: attivisti, si continua a sparare a poche ore da riunione Onu

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2012 - 10:56
(Keystone-ATS)

Le forze governative siriane hanno ripreso i cannoneggiamenti questa mattina in diverse località del paese, a poche ore dalla riunione del Consiglio di Sicurezza Onu in cui si dovrà votare una risoluzione che aumenti da 30 a 300 il numero di osservatori internazionali inviati in Siria.

Decine di colpi di mortaio sono caduti nelle aree di al-Kussair e al-Khalidiyeh, provincia di Homs, senza fare vittime, ma distruggendo almeno tre case, secondo l'attivista Omar Homsi, sentito dall'agenzia Dpa.

Altri attivisti dalla capitale Damasco hanno riferito di spari con mitragliatrici e una nuova ondata di arresti nel quartiere di al-Ghaboun. Anche nella provincia settentrionale di Idlib, colpi di mortaio prendono di mira le aree sul confine con la Turchia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?