Navigation

Siria: giornalista al-Jazira scomparsa espulsa in Iran

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2011 - 22:10
(Keystone-ATS)

Dorothy Parvaz, la giornalista di al-Jazira con nazionalità americana, canadese e iraniana, scomparsa in Siria a fine aprile è stata espulsa verso l'Iran il 1. maggio. Lo ha annunciato oggi l'ambasciata siriana a Washington.

La giornalista "ha tentato di entrare illegalmente in Siria" il 29 aprile con un visto turistico e un passaporto iraniano scaduto, spiega in una nota l'ambasciata siriana a Washington. Due giorni dopo è stata "estradata, in accordo la normativa internazionale, nel paese che ha emesso il passaporto".

La Siria reputa "deplorevole che una giornalista che lavora in una testata rinomata come al-Jazira abbia tentato di entrare nel paese in modo illegale", aggiunge la nota, precisando che la situazione è ancora peggiore se la testata "è stata informata di questa attività illegale e l'ha consentita".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?