Navigation

Siria: inviato Onu in MO, più di 9.000 civili morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2012 - 17:20
(Keystone-ATS)

L'inviato delle Nazioni Unite in Medio Oriente, Robert Serry, ha detto, nel corso di una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, che dall'inizio del conflitto in Siria sono morti più di 9.000 civili.

"Il governo siriano deve assumere provvedimenti immediati per dimostrare il suo impegno nell'accettazione del piano di pace in sei punti di Kofi Annan", ha aggiunto Serry durante il suo intervento al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L'inviato speciale per il Medio Oriente ha ribadito l'importanza dell'attuazione del piano Annan non solo per porre fine al massacro del popolo siriano e fornire aiuti alla popolazione, ma anche per la stabilità dell'intera regione.

L'ex segretario generale dell'Onu, nominato inviato speciale per la Siria, ha già scritto questa mattina al presidente Bashar al Assad esortando il governo di Damasco a mettere subito in atto i suoi impegni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?